Bio Week

Vista e tessuti nervosi più deboli a fine anno

ottobre 5th, 2015  |  Published in omeopatia

In inverno, il periodo dell’anno decisamente il più buio, tutta la Natura si contrae su se stessa per poter recuperare e concentrare dentro di sé le energie necessarie per il nuovo ciclo vitale che dovrà affrontare. È così, oltre che per piante, fiori e animali,anche per il nostro corpo, che dovrebbe richiudersi in se, seguendo ciò che suggerisce l’ambiente. E invece dicembre e al contrario un mese durante il quale ci viene richiesto di mettere in campo ancora più energie, per far fronte all’intensificarsi del lavoro (siamo costretti a fare in quasi metà tempo ciò che di solito facevamo in un mese), degli impegni familiari che le festività natalizie implicano. E talora anche il qualche viaggio che non risulta più uno svago ma quasi una forzatura in un momento in cui vorremmo riposarci. È quindi evidente come il nostro organismo non possa mettere in pratica ciò che dovrebbe; gli è impedito di stare nell’oscurità e nel riposo essenziale per ricreare la luce, cioè l’energia vitale e l’attività ma tende invece a disperdere la sua energia,riuscendo a rigenerarsi. E sono proprio gli organi cosiddetti “di luce”, quelli cioè che trasmettono energia, a risentire maggiormente di queste stress: il cervello, e più in generale il sistema nervoso, e gli occhi.

Your Comments